Il mio blog principale: http://mikelogulhi.blogspot.com
Il blog centrale in italiano (dove puoi vedere, a destra, quali sono gli ultimi blog in italiano aggiornati): http://ilmondofuturo.blogspot.com

venerdì 26 agosto 2011

Libia, l'altra storia

Articolo tratto da Peace Reporter (http://it.peacereporter.net)


Intervista al professor Cardini, tra appoggio occidentale alla rivoluzione e un futuro tutto da decifrare

La situazione libica domina i media di tutto il mondo. La frenesia degli ultimi accadimenti e le incertezze sul futuro concorrono a creare uno scenario poco chiaro su quello che capita nel Paese nordafricano. PeaceReporter ha intervistato Il professor Franco Cardini, storico e saggista, docente di Storia medievale all'Istituto italiano di Scienze umane a Firenze ed esperto di Medio Oriente e Islam, che commenta quello che succede in Libia, alla luce dei fattori storici, politici - interni ed internazionali - e culturali che hanno portato al collasso, o quasi, del regime di Gheddafi.

Come si è arrivati, in Libia, alla situazione attuale?
La situazione attuale in Libia si è generata in seguito alle oscillazioni del colonnello Gheddafi in politica internazionale e per la scarsa chiarezza delle sue posizioni, con i continui spostamenti rispetto ai possibili protagonisti della scena mondiale e rispetto al potenziale petrolifero libico. Anche, forse, per la situazione geopolitica generale, sia africana che mediterranea. Voglio dire che non ci si può continuamente spostare da simpatie panafricane ad ammiccamenti con quelli che noi, a torto o a ragione, riteniamo fondamentalisti, passando per atteggiamenti superficialmente filo Nato o filo statunitensi dell'ultima ora e poi, come ha fatto Gheddafi a partire dallo scorso anno, dopo esserci avvicinato ai paesi della Nato e soprattutto alla Francia, tornare sui suoi passi.
Come è accaduto in passato con Saddam Hussein, amico dell'Occidente, osannato e foraggiato in chiave anti iraniana, anche se sapevamo benissimo che sterminava i curdi, scaricandolo subito dopo quando ha minacciato di sostituire l'euro al dollaro come unità monetaria di riferimento nelle transazioni petrolifere irachene, abbiamo scoperto che era un dittatore quando non ci faceva più comodo. Questa volta non abbiamo commesso l'errore fatto in Iraq, con un intervento diretto, ma abbiamo sostenuto un intervento indiretto.

Cosa intende per intervento indiretto?
All'inizio del 2010 Gheddafi ha scoperto le carte, allontanandosi dalle potenze occidentali, lanciando segnali di vicinanza al blocco che si contrappone all'egemonia statunitense.
Le differenze con i blocchi della Guerra Fredda, con schieramenti molto netti, sono tante. In primo luogo il fatto che il potere decisionale è molto più nelle mani delle lobbies economiche che in quelle dei governi. Le divisioni, però, esistono. La Russia, la Cina, l'Iran, il Venezuela, piuttosto che paesi emergenti come Brasile e India, rappresentano un blocco alternativo rispetto a quello egemonizzato dagli Stati Uniti. Non si può parlare di Guerra Fredda, certo, ma una divisione esiste. E' un mondo che si muove, i blocchi interstatali e sovrastatali esistono e contano ancora. La Nato, ad esempio, esiste ancora e non sono neanche troppo chiari i suoi fini. La Cina, parlando chiaro, si sta mangiando l'Africa. La Libia, in questo gioco, con le sue riserve petrolifere, non poteva lasciare indifferente i paesi occidentali. Come nel 1956 a Suez. Per chi ha memoria di storia della diplomazia del Mediterraneo la similitudine con l'intervento anglo-francese contro il panarabismo di Nasser è evidente. Sono intervenuti anche questa volta. Con i finanziamenti, con i media, con la politica. Hanno sostenuto il movimento degli insorti in Libia, nato a Bengasi, dove è partita la rivolta. Gheddafi ha pagato la sua svolta dell'inizio del 2010, il suo ultimo cambio di campo. A caro prezzo. Francia e Gran Bretagna sono intervenute - e qui c'è un altro parallelismo con il 1956 - contro o senza l'assenso degli Usa. Le prove di questo appoggio ai rivoltosi ci sono, anche se in Italia non ne parla nessuno. La stampa francese, invece, lo sta denunciando con chiarezza. Lo scenario non è roseo. Potrebbe arrivare la guerra civile. Ma senza l'appoggio della Nato, che ha fatto la forza d'interposizione solo per un paio di giorni, poi è passata a bombardare unilateralmente i lealisti, non ce l'avrebbero mai fatta.

E l'Italia?
i nostri osservatori, ammesso e non concesso che ne abbiamo di validi, sapevano già come stavano andando le cose. Quando abbiamo firmato il Trattato di Amicizia, che poi altro non è che un trattato di non aggressione, e lo abbiamo fatto per una serie di motivi contingenti che ci hanno portato anche a tollerare le sue buffonate a Roma, sapevamo che stavamo cercando un piccolo vantaggio per le nostre imprese petrolifere, per un certo nostro business, pur consci di essere su un piano inclinato.
Quel trattato, firmato nonostante tutto, è stato disatteso. La nostra posizione attuale è quella di un Paese che dopo aver firmato un trattato di amicizia l'ha rotto unilateralmente e non bisogna dimenticarsene facendo finta di niente. Quando si parla di fedeltà alla parola data e agli impegni non si può privilegiarne alcuni rispetto ad altri, Noi siamo membri della Nato, ma siamo un Paese sovrano e avevamo stipulato un patto con la Libia governata da Gheddafi. Oggi il tiranno è in prima pagina, ma nessuno può dire che non si sapeva cosa faceva Gheddafi. L'abbiamo sempre saputo. Non sono d'accordo con il presidente della Repubblica Napolitano, e mi spiace, perché lo stimo molto, ma citando la nostra fefeltà ai trattati si dimentica che ancora una volta, come nel 1915 e nel 1943, l'Italia è venuta meno a un impegno internazionale. Come cittadino italiano mi sento in imbarazzo, in difetto.

Ma la Libia quanto è davvero un Paese unito?
La Libia non è mai stato un Paese unitario. I turchi lo sapevano benissimo e, fino all'aggressione militare italiana del 1911, tenevano ben distinti i governatorati di Tripolitania e Cirenaica. Il resto non è storia, sono chiacchiere. Tripolitania e Cirenaica son due cose diverse, nel mezzo c'è la Sirte, un deserto che separa queste due realtà molto più di quanto non farebbe un braccio di mare. La Cirenaica è un'appendice dell'Egitto, la Tripolitania è già area berbera, è già Maghreb. Son due cose distinte, diverse, abitate da tribù diverse. Se una vita nazionale condivisa in Libia c'è mai stata, è esistita solo durante il governo di Gheddafi. Adesso sta andando in onda il solito film della fine del tiranno, sempre uguale. Dietro questa storia c'è la solita retrobottega di smemoratezza. Dietro l'unità della Libia c'è quell'ufficiale affascinante, il bell'uomo che all'epoca della Rivoluzione stregava il mondo e che oggi è quel grottesco vecchietto in fuga. Sono la stessa persona. Per anni, in tutto il mondo arabo, Gheddafi ha goduto di un consenso secondo solo a quello goduto da Nasser. La Libia è, in definitiva, un Paese abitato da tribù arabe e berbere. Prima della rivoluzione era una terra di pastori e città costiere con un minimo di attività commerciale. Una borghesia libica non esisteva, se non nella componente ebraica della società, influenzata per vicinanza dall'Italia e dall'Egitto. Meno della Francia, attraverso la Tunisia. La Libia non è mai stata una nazione indipendente, con una sua identità forte. Poi è arrivato prima Graziani con i crimini di guerra, altro che 'italiani brava gente', e in seguito Balbo con una politica più accorta, a creare la Libia unita. Un regime coloniale, non uno Stato unito. La stessa parola Libia è una definizione moderna. Si tornerà alla situazione dell'impero turco? Non credo. Dopo il 1945 le potenze vincitrici hanno assegnato la Libia al Gran Senusso, il leader della famiglia tribale che godeva del prestigio religioso, i Senoussi, appunto. E' diventato il re della Libia. Una monarchia fasulla, che si reggeva su un sentimento religioso abbastanza condiviso, ma politicamente debole appoggiata soprattutto dagli inglesi. Fino alla rivoluzione socialista di Gheddafi. Se la Libia esiste come Paese, e forse non esiste neanche adesso, lo si deve alla rivoluzione. Tutto questo è stato travolto, perché anche il socialismo arabo è fallito.

Alla fine della guerra che Libia ci sarà alle porte dell'Europa?
Difficile dirlo. Quello che gli stati occidentali stanno cercando di fare è appoggiare un governo di coalizione tra le diverse anime e le diverse tribù della Libia. Ci sono elementi vicini all'Occidente, ma anche elementi che guardano con favore a un Islam radicale, compresa quell'area che un po' genericamente da noi viene definita al-Qaeda. In questo momento, tutte queste forze hanno un interesse comune, un nemico comune. La fine di Gheddafi, qualunque sia, è l'obiettivo condiviso. Ucciso, processato, suicidato non è importante...è finita. Difficile che non vada così. Dopo? Nessuna analisi seria è stata fatta fino a ora. Una borghesia illuminata, nella storia della Libia, manca. Nessun paragone con le società civili di Tunisi, del Cairo, di Damasco o di Amman. Siamo davanti a uno dei paesi arabi più arretrati da questo punto di vista. Anche perché, come detto, la Libia non è mai esistita prima della colonizzazione italiana. C'è una gran confusione e ciascuno tenta di accaparrarsi quello che può della Libia del futuro. In questo brilla la Francia di Sarkozy, senza intralci di sorta da parte dell'opposizione. Le potenze occidentali tenteranno in tutti i modi di tenere unite queste anime, per non far scivolare il Paese nella lotta tra bande. Anche se, in questi giorni, alcune fazioni dei ribelli si sparano già tra loro. Ma di questo sulla stampa italiana non c'è traccia. Lo scenario più probabile è quello di un governo di coalizione, a grandi linee filo occidentale e - almeno per i nostri mass media - democratico. Che si occuperà di spartire le ricchezze del Paese, come dimostra l'Italia, che in tutta fretta ha voltato le spalle a Gheddafi. Riusciendo, come l'Eni, a raccogliere le briciole lasciate dai francesi.

Christian Elia

lunedì 22 agosto 2011

La caduta di Tripoli

Articolo tratto da Peace Reporter (http://it.peacereporter.net)


I ribelli libici controllano la capitale, arrestato Seif Gheddafi, mistero sulla sorte del padre

L'immagine del Colonnello Gheddafi chiuso nel suo bunker di Tripoli, mentre lancia gli ultimi disperati appelli alla resistenza, è troppo cinematografica per essere vera. L'ultima voce incontrollabile lo dà riparato nell'ambasciata venezuelana della capitale libica, pronto ad accettare l'offerta di protezione di Hugo Chavez, il presidente del Venezuela.

Quello che è certo, dopo sei mesi, è che in Libia la rivolta nata nelle piazze di Bengasi il 17 febbraio scorso alla fine ha vinto. I miliziani del Consiglio nazionale di transizione controllano la città, scontrandosi con gli ultimi irriducibili lealisti. Anche questa, però, può essere solo una immagine letteraria, perché in realtà resta un manipolo di compromessi, che sanno benissimo di essere su una lista nera compilata da mesi a Bengasi. Difendono le loro vite, più che il rais. La cattura di Seif al-Islam, il pupillo, il prescelto tra i figli di Gheddafi, ha segnato la reale fine del potere nato dalla rivoluzione del 1969. Dopo i quarant'anni di dominio assoluto del padre, sarebbe toccato al figlio dotato di buoni studi e immagine immacolata.

Una farsa, cascata come il trucco pesante dopo una notte di bisboccia. Appena la popolazione della ribelle Cirenaica è scesa in piazza, Seif ha mostrato il vero volto diventando il megafono delle minacce paterne, sempre più deliranti e scollate dalla realtà. Che ne sarà di Gheddafi? L'epilogo della battaglia di Berlino, nel 1945, non si ripeterà. Difficile che Gheddafi e i suoi sodali si tolgano la vita nel bunker di Bab al-Aziziyah (sei chilometri quadrati nel cuore di Tripoli). Non sembra nello stile del Colonnello, molto più pragmatico dei suoi deliri. Anche perché, visti i continui bombardamenti Nato sulla cittadella del potere libico, è improbabile che Gheddafi si trovi davvero là.

La Corte penale internazionale dell'Aja e i ribelli libici discuteranno oggi del trasferimento di Seif al-Islam, il figlio del colonnello Muammar Gheddafi arrestato e ricercato per crimini contro l'umanità, secondo quanto affermato dal procuratore capo della Cpi, Luis Moreno Ocampo, alla Cnn. Moreno Ocampo ha detto di non sapere dove si trovi Seif al-Islam perchè la Corte non ha ancora preso contatti con i ribelli del Consiglio nazionale di transizione e ha precisato che la notizia del suo arresto è stata confermata da altre fonti. La Corte, nella notte, si era fatta trarre in inganno dall'entusiasmo dei ribelli, confermando la cattura del rais poi smentita.

Le ultime scene del regime di Gheddafi si consumano strada per strada, ma l'immagine dei titoli di coda, in attesa dell'arresto o della fuga di Gheddafi, resterà quella della giornalista della televisione di Stato libica. Ancora ieri, nell'ovattato mondo di false certezze che il regime ha tentato di comunicare al suo popolo fino all'ultimo, una delle giornaliste era in video, pistola in pugno, a minacciare i ribelli. ''Siamo tutti armati e pronti al martirio'', aveva delirato. La sede della televisione è stata presa questa mattina. Pare che non sia stato sparato un solo colpo.

Christian Elia

venerdì 19 agosto 2011

"Gheddafi pronto alla fuga" Nella notte esplosioni a Tripoli

Articolo tratto da "la Repubblica" (http://www.repubblica.it)

Secondo la stampa Usa il raìs starebbe per lasciare il Paese insieme alla famiglia, probabilmente verso la Tunisia. Agenzia cinese: "Aereo venezuelano atterrato a Djerba per portare i familiari a Caracas". Fuga di capitali, mentre la Nato colpisce il compound del Colonnello. I ribelli prendono Zliten e Zawiah. Decine di morte nei combattimenti

TRIPOLI - Muammar Gheddafi starebbe preparando la fuga per lasciare, insieme alla famiglia, la Libia. La notizia arriva dalla rete televisiva americana Nbc - ripresa poi da altri media internazionali - che in un servizio cita fonti dell'intelligence Usa secondo le quali il colonnello sarebbe alle prese con gli ultimi preparativi prima di una fuga verso un paese disposto a offrirgli asilo.

La Tunisia, dove nei giorni scorsi sarebbero avvenuti alcuni incontri ufficiosi tra fedelissimi del regime e insorti del consiglio nazionale di transizione, secondo le fonti dell'emittente potrebbe essere la meta finale del colonnello. L'agenzia ufficiale Nuova Cina riferisce che un aereo venezuelano sarebbe atterrato oggi a Djerba, in Tunisia, per evacuare membri della famiglia di Gheddafi. Secondo indiscrezioni, l'aereo starebbe per partire alla volta di Caracas: il presidente venezuelano Hugo Chavez è uno dei pochi sostenitori rimasti di Gheddafi. Ma le autorità di Tunisi smentiscono.

Tripoli, distrutto bunker del capo dell'intelligence. Intanto, nella notte, nella capitale libica si sono registrate diverse esplosioni, e la Nato ha colpito la zona intorno al quartier generale di Gheddafi. Dopo la mezzanotte esplosioni si sono udite provenire dalla zona di Bab el Aziziya, la residenza bunker di Muammar Gheddafi nel centro della capitale libica, e anche da quartieri occidentali della città. I raid notturni hanno distrutto completamente un edificio in cui abitava Abdullah al-Senussi, cognato di Muammar Gheddafi e capo dell'intelligence del raìs. Lo hanno constatato i giornalisti stranieri sul posto, raccogliendo la testimonianza di Omar Masood, un ingegnere che abita nella stessa zona da 35 anni. Senussi, sposato con la sorella di Gheddafi, è uno dei tre responsabili libici ricercato dalla Cpi per crimini di guerra, insieme a Muammar Gheddafi e al figlio Saif al-Islam.

Fuga di capitali. Altri elementi fanno pensare che la fuga del raìs sia prossima: l'aeroporto internazionale del Cairo ha registrato negli ultimi giorni numerosi arrivi di imprenditori arabi, e soprattutto egiziani, provenienti dai Paesi del Golfo con valige piene di banconote libiche. Gli imprenditori, sottolinea il quotidiano, Al Quds Al Arabi, temono l'immediata caduta del regime di Gheddafi e la conseguente svalutazione della moneta libica. Citando fonti della dogana egiziana, il quotidiano afferma che gli imprenditori avevano dichiarato, al loro arrivo al Cairo, il possesso di ingenti somme di moneta libica. La legge egiziana prevede la dichiarazione delle somme superiore ai 10 mila dollari.

Frattini: "Popolazione si unisca al cambiamento".
Il ministro Franco Frattini, intervistato da SkyTg24 dopo aver rilevato che si registrano defezioni sempre più numerose nel regime libico, ha detto: "Ci auguriamo che la popolazione di Tripoli, che sta fuggendo, comprenda che il regime ha fatto il male del suo popolo e quindi si unisca a un processo di cambiamento politico, togliendo definitivamente anche a Tripoli margini di manovra al regime di Gheddafi". Per l'Italia, ha rimarcato il titolare della Farnesina, resta valida la necessità di mantenere alta la pressione militare, ma al tempo stesso di "portare avanti la costruzione di una proposta politica".

Dopo le perplessità sollevate nei giorni scorsi sulla compattezza dei ribelli, Frattini ha aggiunto che il "primo ministro" del Consiglio Nazionale Transitorio (Cnt) Mahmud Jibril "mi ha assicurato che il rimpasto in corso è serio e forte che costruirà l'alternativa della nuova Libia".

Ribelli prendono Zliten e Zawiah. Sul terreno, è proseguita l'avanzata del fronte anti-Gheddafi. I ribelli sostengono di aver conquistato Zliten, 150 chilometri a est di Tripoli. Nei combattimenti avrebbero perso 32 uomini, uccidendo almeno 40 fedelissimi del raìs. Oltre alla battaglia a Zlitan, lo scontro è stato durissimo anche a Zawiah, 40 Chilometri a ovest di Tripoli. Qui i ribelli hanno sconfitto le ultime sacche di resistenza fedeli a Gheddafi e conquistato 'piazza dei martiri', luogo simbolo della rivolta iniziata sei mesi fa.

(19 agosto 2011) © Riproduzione riservata